Lavoro, Pirani: "Detassazione strutturale del lavoro stabile unico modo per la ripresa"

31 marzo 2017
"Per una ripresa occorre ripensare a come utilizzare le risorse: è fondamentale ridurre drasticamente le tasse sul lavoro, quale effetto utile a determinare una situazione di miglioramento dell'occupazione e della domanda invece di diffondere povertà garantita, come sta avvenendo oggi".

Così il segretario generale Uiltec, Paolo Pirani, intervenendo al convegno Cittaimpresa a Vicenza. 
Per il leader sindacale "in Italia il carico fiscale che grava sul lavoro è eccessivo e per essere competitivi occorre che ci si allinei ad altri paesi europei, altrimenti non si può intravedere una crescita". "Avere salari bassi e lavoratori poveri non determina alcuna ripresa - ha proseguito Pirani - , anzi contribuisce a ridurre il livello di produttività". Pirani ha poi ricordato come, finiti gli incentivi del Jobs act, i livelli di occupazione siano tornati a decrescere: "è sbagliato il modo in cui si impiegano risorse, bisogna detassare strutturalmente il lavoro stabile, invece il lavoro precario deve costare di più".
Su Industria 4.0 il sindacalista ha ricordato che "quando la Germania ha varato Industria 4.0 ha contemporaneamente previsto Lavoro 4.0, cioè un programma di accompagnamento e sostegno al cambio di passo del mondo industriale attraverso la riqualificazione, la formazione e la riorganizzazione dei lavoratori".

Copyright © 2013 UILTEC - All Rights Reserved.