Testo scorrevole

Paolo Pirani scrive su Twitter: “Bene il ritrovato dialogo con l’Europa. Ora investimenti a favore dell’industria, riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori, salvaguardia dei contratti nazionali”
Covid-19 - Comunicati, circolari ed aggiornamenti
Covid-19 - Comunicati, circolari ed aggiornamenti
Dai. Aiuta chi ci aiuta
Dai. Aiuta chi ci aiuta
Uiltec e Amref: Azionista della Salute
Uiltec e Amref: Azionista della Salute

Ue; Pirani (Uiltec): “Il decalogo per un’Europa coesa e solidale”

14 maggio 2019
In corso i lavori a Ventotene del seminario europeista promosso dalla Uiltec nazionale
“Riteniamo che un’Europa coesa e solidale non possa che contare sull’azione responsabile delle parti sociali”.

Così Paolo Pirani ha aperto i lavori del seminario in corso oggi a Ventotene, organizzato dalla Uiltec nazionale, da lui guidata, ed incentrato sul tema “Essere sindacati in Europa”. Il confronto, tenuto presso  il Centro polivalente “Umberto Elia Terracini” sarà caratterizzato, dopo i saluti del sindaco isolano Gerardo Santomauro, da: Luis Colunga, del sindacato iberico “Ugt-Fca” e vicesegretario generale del sindacato europeo “IndustriAll”; Armando Dente del sindacato tedesco “Igbce” e Ben Richards del sindacato del Regno Unito “Unite the Union”. Inoltre, ci saranno gli interventi di Roberta Pinotti, componente della Commissione Esteri del Senato della Repubblica, e di Pier Paolo Bombardieri, Segretario generale aggiunto della Uil. “Per quanto ci riguarda – ha sottolineato Pirani, segretario generale della Uiltec nazionale- è necessario agire rispettando un vero e proprio programma che il nostro sindacato ha reso pubblico in vista delle prossime elezioni europee e che si basa su uno specifico decalogo.  Questi i punti salienti: tolleranza zero nei confronti delle morti sul lavoro; spostamento del carico contributivo del lavoro a tempo determinato a quello flessibile; messa in sicurezza del territorio e del patrimonio abitativo attraverso un piano di azione di lungo periodo, finanziato con investimenti pubblico-privati; digitalizzazione del lavoro affrontando le conseguenti politiche di sostegno salariale, la riduzione dell'orario; sviluppo della ‘green economy’; determinazione di una politica in ambito industriale sostenuta da titoli pubblici europei per finanziare gli investimenti infrastrutturali; riconsiderazione della missione istituzionale della Bce tendente alla stabilità monetaria e alla riduzione della disoccupazione; fissazione nel bilancio europeo dello scomputo della spesa per investimenti dal calcolo del deficit strutturale; vincolo all'avanzo commerciale corrente entro il 4% del Pil; rapporto Debito/Pil al 90%”.
Ufficio stampa Uiltec

Previdenza sanitaria integrativa

Previdenza complementare

UILTEC - Via Po, 162 – 00198 – Roma
Tel. (+39) 06.88.81.15.00
Fax (+39) 06.86.32.19.05
Email: segreteria.nazionale@uiltec.it
Pec: uiltecnazionale@pec.uiltec.it

uiltec mail

Social Network